Dsquared collezione autunno inverno 2018/19, le tendenze

Una collezione stravagante quella che i due fratelli Dean e Dan Caten hanno presentato a Milano alle soglie della scorsa primavera, per l’autunno/inverno 2018/19. Un mix perfetto nel loro classico stile in cui si fondono diversi spiriti e desideri, emozioni, ricordi e innovazione. In passerella nomi importanti dello star system italiano ed internazionale.

Un classico incontro di luci d’atmosfera, con una serie di dettagli bohemienne, ed una spiccante nota di raffinatezza allacciata all’esagerata lussuria dei tessuti. Fantasie rock, con una prevalenza di nero intenso in contrasto con borchie, fantasie, damascati e colori sono i protagonisti dell’autunno alle soglie.

Cast stellare a presentare ed indossare borchie, neri, rossi, bianchi, mix pop e country con dettagli inconfondibili ed importanti che coronano un sogno ed un amore disincantato per le terre del Midwest. cappelli, borchie, giubbini in pelle decorata e con fantasiosi colletti, rivisitazioni di dettagli country, evoluzione del classico stile da cowboy anche al femminile, parlano di coraggio di una casa che veste uomo e donna consapevoli, forti, arroganti nella loro bellezza, incontrastati nella loro prorompenza.

Un cowboy che incontra una cowgirl più glam, con uno splendido tributo al Johnny Cash delle musiche d’autore, quelle che hanno fatto la storia dell’America. Damascati, dettagli e lustrini, si fondono in un mix innovativo, nel perfetto stile dei fratelli italo-americani. L’essere è ispirato dalle creazioni che indossa, a loro volta investite dal fascino dell’umanità che le trasporta: un fascino incantato di nome Dsquared2.

Scopri i prodotti Dsquared per lui e per lei

Praticità e sensualità si osservano nella collezione autunno inverno 2018/19 per un risultato un po’ hippy un po’ fashion, con nuovi tagli di jeans corti, leggermente svasati, da indossare con stivaloni in stile cowboy. Per coronare il tutto non mancano stampe, ricami, collane ed orecchini, oltre che preziosissimi foulard.

Nessun commento

Scrivi un commento