Hogan, dal 1986 brand di classe nel nome del Made in Italy

Chi indossa delle Hogan sa di portare ai propri piedi la classe e l’intraprendenza tipicamente italiane. Brand tra i simboli della moda made in Italy specializzato in calzature di altissima qualità, accompagna dal 1986 durante le passeggiate di ogni giorno uomini, donne e bambini, spesso con un H stilizzata sui fianchi come proprio simbolo.

Il marchio nasce come branca secondaria del gruppo Tod’s, azienda del mondo calzaturiero legata in particolar modo alla produzione di capi di lusso che aveva sempre puntato a una fascia di acquirenti più elitaria. Con Hogan, nel 1986, la grande qualità tipica di prodotti rinomati in tutto il mondo diventa accessibile a chiunque, senza rinunciare alla classica eleganza che li contraddistingue. Ad ispirare la prima linea è il mondo del cricket anglosassone, sport dove uno stile più ricercato ha sempre avuto modo di ispirare il vestiario più sportivo degli atleti. Nasce così la prima calzatura Hogan, casual ma ottima anche per occasioni mondane, resistente e flessibile ma senza rinunciare al desiderio di far tendenza in maniera ricercata.

Con la Hogan predominano i colori più britannici, appartenenti a chi ha la ferma intenzione di risaltare nella folla ma senza puntare all’eccesso e all’appariscenza; di chi sa che camminare è un po’ sfilare ma con slancio e spensieratezza. Il brand italiano veste solitamente chi ha la passione per l’abbigliamento più all’avanguardia, indipendentemente dalla preferenza per le sneakers, per le più sportive running e le scarpe formali.

Le calzature Hogan sono dinamiche, realizzate con la ferma convinzione di apporre la comodità di chi le indossa al primo posto, ottime per chi vive una vita frenetica e non è disposto a compromessi perdendo tempo, sempre in movimento. Leggerezza, versatilità, design, ma soprattutto libertà sono delle linee guida a cui Hogan si è sempre ispirato, senza mai abbandonare lo stile che permette sempre di affrontare la giornata come padroni della propria vita.

Nessun commento

Scrivi un commento